6 febbraio 2012

Eppure ancora i respiri si riproducono allattatati dai sogni

Il tuo cuore era un guanto, solo tu potevi indossarlo.
Il tuo cuore era un guanto, un guanto che hai perso.
Ricordi?
Eppure ancora i respiri si riproducono allattatati dai sogni, allungati da spilli. Ogni convinzione è una perdita, ogni atto è tremenda violenza, solo l’immobilità continuamente trasporta. Come ti chiami? Mi chiedi. Che suono? Nessuno, un abbandono venduto.

Libera dolce quiete dentro un kaos chiamato amore.
Il kaos + dolce che abbia mai vissuto.
Il kaos + equilibrato della mia esistenza.
La certezza più forte della mia vita.

6Febbraio 2012.
Il calendario Maya non tace, parla sempre.
TANTA ROBA NUOVA DA SCOPRIRE.
NUOVE AMERICHE CI ASPETTANO.
ANCORA.
ANCORA.
ANCORA.

1 commento: